Lavaggi idrodinamici per tubazioni di grande diametro

Con l’utilizzo di attrezzature all’avanguardia, S.E.A. Srl è in grado di effettuare la pulizia idrodinamica ad alta pressione su ogni tipo di apparecchiatura industriale.

L’efficienza delle attrezzature e la competenza del team operativo, sono in grado di gestire un ampio range di problematiche, dalla rimozione depositi dalle superfici, al taglio a freddo dei metalli, alla bonifica di serbatoi e di impianti industriali.

La principale caratteristica dell’approccio metodologico risiede nello studio specifico preventivo degli interventi da effettuare, con l’utilizzo di sistemi innovativi, progettati e realizzati da S.E.A. Srl, che consentono di intervenire anche in situazioni non convenzionali, con l’obbiettivo principale di ridurre l’operatività del proprio personale, riducendo i rischi intrinseci, e di ridurre l’impatto ambientale derivante dalla produzione dei reflui di lavaggio, sia in termini quantitativi che qualitativi.

Nelle attività di manutenzione industriale si incontra spesso la possibilità di estrarre fasci tubieri di scambiatori di calore per consentire una pulizia più efficace e per permettere le attività di manutenzione e ripristino meccanico di questi.
Per queste attività S.E.A. Srl dispone di tutte le attrezzature necessarie:

  • Estrattore Aereo in grado di estrarre fasci tubieri di qualunque dimensione posizionati a qualunque altezza;
  • Trasporta fasci per la movimentazione in sicurezza dei fasci tubieri nelle zone adibite al lavaggio;
  • Scovolatore per interno/esterno fasci tubieri per la pulizia ad alta pressione, automatizzata e completa.
  • Motolavatori Rotanti Automatici per la pulizia dei mantelli degli scambiatori di calore;
  • Personale specializzato per la pulizia degli scambiatori e l’utilizzo delle macchine.

L’operazione di taglio a freddo di tubazioni e lamiere viene eseguita in piena autonomia dalla S.E.A. Srl con proprio personale specializzato mediante impiego di metodologie di idroerosione con premiscelazione con l’utilizzo di acqua ad altissima pressione ed abrasivo come previsto dai requisiti minimi di sicurezza e protezione ambientale negli interventi di bonifica su apparecchiature dove è richiesto l’utilizzo di sistemi antideflagranti.