Essiccazione fanghi

I processi produttivi hanno sempre come contropartita la produzione di quelli che vengono definiti genericamente “i residui di produzione” che, nella maggioranza dei casi, sono destinati allo smaltimento come rifiuti oppure possono essere trasformati in materie “prime-seconde” che possono essere riutilizzate all’interno di un altro processo produttivo; ovviamente, in entrambi i casi, l’intero iter è subordinato alla legislazione vigente.

S.E.A. Srl ha da sempre orientato la sua attività lavorativa alla ricerca e messa a punto di tecnologie che avessero come obiettivo la riduzione dei prodotti da inviare a smaltimento (fanghi idrocarburici, fondami di serbatoio, residui oleosi, ecc.) e massimizzare il recupero delle materie prime quali per esempio le componenti idrocarburiche di buona qualità da reimmettere nel ciclo di produzione.

La collaborazione con società leader nel settore nasce proprio nell’ambito della continua ricerca di tecnologie e applicazioni all’avanguardia in questo settore, che consentano una gestione integrata, e sostenibile da un punto di vista ambientale ed economico, dei rifiuti; con l’obbiettivo, ambizioso ma determinante, di arrivare al traguardo “0 waste”, abbattendo i costi di smaltimento ed estraendone valore attraverso il recupero integrale come materie prime da reimpiegare nei cicli produttivi di stabilimento.

Un team di esperti ha messo a punto un processo denominato R1 ed il relativo impianto, che consente di recuperare e riciclare prodotti di valore dai residui industriali. Questo impianto rappresenta l’ultima generazione di una serie di impianti progettati e costruiti nel corso degli ultimi 5 anni durante i quali si è continuamente implementato il processo.

Il processo R1 è basato sulla distillazione e la pirolisi dei residui attraverso la somministrazione di energia termica in atmosfera inerte (assenza di aria e/o ossigeno). Il risultato di questo processo è la creazione di 3 prodotti principali:

  1. Una fase di gas in condensabili, che potrebbero essere utilizzati in un generatore per produrre energia elettrica;
  2. Una fase condensabile liquida, che è normalmente costituita da materie di valore (ad es.oli, solventi, ecc. in funzione del tipo di materia di partenza) e da acqua;
  3. Una fase solida secca costituita da char/carbon black e materia inorganica.

In generale il processo R1 è un processo che è stato progettato e realizzato con la finalità di recuperare delle materie con un loro valore intrinseco per uso industriale; questo processo è applicabile a numerose produzioni industriali, limitando lo smaltimento di sostanze potenzialmente pericolose e riducendo in modo sostanziale i costi di smaltimento e la pericolosità dei rifiuti.

L’impianto che realizza il processo R1 è formato dalle seguenti principali apparecchiature:

  • il “reattore”, normalmente installato su uno skid dove il prodotto viene caricato e sottoposto al processo termico;
  • uno skid di “processo” dove i vapori vengono recuperati sotto forma di prodotti condensabili e i gas non-condensabili vengono opportunamente trattati;
  • unità di processo e controllo.
06_ESSICCAZIONE-FANGHI